22/09/08

Studiosi, medici e ricercatori al convegno Internazionale sul Conte Mattei e l' elettromeopatia


Porretta, 21. 22 settembre 2008
Giornate importanti per il comune di Porretta quelle di sabato e domenica, che hanno ospitato il primo convegno internazionale storico- cultuale dedicato al Conte Matte
e l' elettromeopia organizzato dall'associazione Archivio Museo Cesare Mattei di Riola di Vergato.
Il convegno tenutosi presso il teatro Testoni di Porretta Terme, ha ospitato studiosi e ricercatori italiani e di fama internazionale che hanno permesso di discutere su molti degli enigmi che ancora circondano la figura storica del Conte Mattei e della sua invenzione, l'elettromeopatia, una forma di cure e prodotti che utilizzavano l'elettricità vegetale delle piante.
Ancora oggi non si è a conoscenza di questo segreto che custodisce ancora l'ultima erede della famiglia, Gianna Fadda Mattei, presente al convegno come gradito ospite d'onore.
Ma oltre al pu
nto di vista medico, rimangono ancora da indagare molti aspetti legati al conte come quelli che riguardano la dimora in cui visse per ben 25 anni: la Rocchetta Mattei di Riola di Vergato, da poco comprata dalla Fondazione Carisbo per il restauro ed il riutilizzo.
Un castello che custodisce in armonia stili diversi, dal moresco al medievale, una dimora eclettica quanto il personaggio che la costruì e che tanto l'amò.
Ma perchè proprio a Riola e in quel punto preciso? E perchè tutti questi stili e iconografie così particolari ed ermetiche? Poteva esserci un collegamento con il cosmo? E forse c'è una relazione con la chiesa di Montovolo, antico culto isiaco o centro oracolare etrusco collegato con Delfi?
Per un alchimista quale era il Conte sicuramente c'erano connessioni tali da far si che quello era l'unico luogo possibile dove costruire la sua dimora alchemica che avrebbe creato quel ponte già spesso citato del ciò che è in alto è uguale a ciò che è in basso.
Mi auguro che gli studi sia medici che storici possano andare avanti e portare a quello che tutti ci aspettiamo: una rivalutazione del Conte Mattei, del territorio che tanto amò e soprattutto ridare importanza a quella scienza che permise di curare tanti e tanti malati, non solo persone facoltose ma anche le persone del popolo a cui il conte teneva tanto e che tanto lo apprezzarono.
Per maggiori informazioni:


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Maestra... c'è un errore di ortografia da correggere..

" di discutere su molti degli enigmi che ancora circondano la figura sorica (storica dovrebbe essere).. del Conte Mattei e della sua invenzione, l'elettromeopatia, una forma di cure e prodotti"

Il discepolo n°1

Aestene & Co. ha detto...

eheheh...sono ancora una apprendista e poi sbagliare è umano!!!eheehe....garzie mille per leggermi con tanta attenzione