03/02/09

5 febbraio 2008: Dal Piombo all'Oro – la liberazione di se stessi attraverso l'Alchimia con Salvatore Brizzi




Il prossimo giovedì 5 febbraio ospite all' Officina 49 di Cesena per le serate organizzate da "Le Porte del Cosmo" il ricercatore torinese Salvatore Brizzi tratterà un tema dedicato all' Alchimia Interiore dal titolo "Dal Piombo all'Oro – la liberazione di se stessi attraverso l'Alchimia.
"L’Alchimia è un’Arte (l’Ars Regia) dove l’artista lavora su se stesso anziché sulla materia esterna. Egli scolpisce la « pietra grezza » della sua psiche per ricavarne l’opera d’arte più preziosa: l’anima".
Cosa cercavano realmente gli alchimisti? È ancora possibile per l’uomo moderno percorrere la via dell’Ars Regia? Cosa dobbiamo fare, nella pratica, per produrre una trasmutazione alchemica al nostro interno e approdare alla gioia e all’immortalità? Se vogliamo prepararci alla trasformazione che sta interessando e interesserà sempre di più il pianeta nei prossimi anni, e se vogliamo uscire dalla trappola psichica in cui i “governatori occulti del mondo” voglio trattenerci, dobbiamo lavorare su noi stessi quotidianamente con il fine di liberare la nostra coscienza dalle limitazioni spaziotemporali. Una cosa è lottare strenuamente per uscire dalla prigione, ben altra è diventare non più imprigionabili.


Salvatore Brizzi è un esperto di Alchimia trasformativa e tiene corsi di “Risveglio della coscienza” in diverse città. Attraverso la sua attività di scrittore e conferenziere partecipa attivamente all'opera di divulgazione dell’esoterismo, occupandosi in particolare di Alchimia, Magia e Advaita Vedanta. In passato è stato direttore editoriale della rivista esoterica “Antipodi” e ha fondato a Torino – città esoterica per eccellenza – una casa editrice, la Antipodi Edizioni ( www.antipodiedizioni.com ), il cui obiettivo principe è proprio la diffusione di antichi insegnamenti atti a facilitare l’evoluzione interiore dell’essere umano.
La sua formazione pratica e teorica comprende: la Quarta Via di Gurdjieff, le opere di Alice Bailey e H.P. Blavatsky, l’applicazione dei Vangeli, la meditazione Zazen, il tantrismo, l’Advaita Vedanta.
Brizzi prospetta il nuovo avvento di una Società Tradizionale dove il «sacro» tornerà a far parte della quotidianità di ognuno di noi. “Nuovo avvento” non significa però “ritorno” a una società tradizionale, il che implicherebbe compiere un passo indietro rispetto all’attuale situazione. Il «senso del sacro» tornerà a essere presente, accompagnando lo sviluppo culturale e tecnologico del pianeta.

Officina 49, Via Roncofreddo 49, Cesena

1 commento:

Val Tidone ha detto...

Mi vengono in mente le analoghe aspirazoni degli antichi alla ricerca della pietra filosofale, o le leggende legate alla ricerca del Santo Graal.